Un anno dopo la morte di Dolores O’Riordan il nuovo album dei Cranberrie

0
45

Era il 15 gennaio 2018 quando arrivava la notizia della morte di Dolores O’Riordan. La cantante irlandese era stata trovata senza vita in una stanza d’albergo a Londra. Ci vollero mesi per rivelare i motivi del decesso: annegamento accidentale a causa di abuso di alcol. Martedì prossimo, a un anno esatto dalla scomparsa, arriverà il primo brano inedito della sua band, i Cranberries, con la voce della cantante, che aveva già registrato le sue parti per un nuovo album, il settimo di inediti di una carriera lunga 25 anni. Il brano, All over now (è tutto finito), anticipa In the end, l’album postumo, che sancirà ufficialmente la fine della band.

Sono stati gli stessi componenti del gruppo di Limerick, Fergal Lawler e i fratelli Noel e Mike Hogan, ad annunciarlo sul sito ufficiale: “Dopo la morte improvvisa e devastante di Dolores abbiamo messo in pausa i nostri progetti. Con il passare del tempo abbiamo iniziato a pensare a quale fosse il modo migliore per onorare la nostra amica e collega. È stato un processo molto doloroso. Ci siamo ricordati quanto fosse entusiasta all’idea di realizzare questo disco e di portare queste canzoni in tour. E ci siamo resi conto che la cosa che aveva più senso fare era completare l’album che avevamo iniziato con lei. Abbiamo sentito che è quello che avrebbe voluto. Ci siamo consultati con la sua famiglia ed era d’accordo”.

Non tutto è andato liscio, racconta la band, che per l’occasione è tornata a lavorare con il produttore Stephen Street, come per l’album d’esordio, già collaboratore degli Smiths e dei Blur: “I primi e gli ultimi giorni sono stati i più difficili. Abbiamo capito che se non mettevamo da parte le emozioni non avremmo reso giustizia al suo lavoro. Sapere che non avremmo mai suonato dal vivo queste canzoni ha reso il tutto ancora più difficile. C’era qualcosa di definitivo che aleggiava sapendo che quella era l’ultima volta che ci trovavamo in uno studio insieme a lavorare a un album dei Cranberries. L’ultimo brano al quale abbiamo lavorato si intitola In the end (alla fine), e allora è diventato tutto chiaro. È finita: questa è la fine”.

I Cranberries erano nati nel 1990 e raggiunsero il grande successo con canzoni come Zombie, Linger, Salvation e Promises. Dopo una pausa iniziata nel 2003 tornarono con un nuovo album nel 2012, Roses, e un tour mondiale. La band avrebbe dovuto esibirsi in Italia per cinque date nel giugno del 2017 ma i concerti furono annullati per problemi di salute della cantante, alla quale dopo una lunga battaglia con l’anoressia era stato diagnosticato una sindrome bipolare. Al momento della morte aveva 46 anni.

L’album In the end è dedicato alla sua memoria e utilizza come foto di copertina l’immagine di quattro bambini con strumenti musicali giocattolo. “Sarà sempre con noi grazie alla sua musica”, sono le parole dei suoi ex compagni di avventura.

https://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2019/01/11/news/un_anno_dopo_la_morte_di_dolores_o_riordan_tornano_i_cranberries-216357901/?ref=fbpz

LEAVE A REPLY