Le Marche al Vinitaly, gli istituti agrari di Ascoli Piceno e Macerata presentano i loro progetti

0
31

Tradizione e innovazione, mista a un po’ di fantasia e abilità tipica dei giovani. È il mix enologico e professionale che gli Istituti agrari di Ascoli Piceno e Macerata hanno portato al Vinitaly, con due progetti presentati nello stand istituzionale della Regione Marche. Gli studenti del sesto anno di corso, quello della specializzazione enotecnica, sono stati protagonisti e animatori di un incontro nel corso del quale sono stati approfondite due proposte di studio per il rilancio delle zone terremotate, con la presentazione del caso “Arquata” e la valorizzazione degli antichi vigneti mezzadrili di Corridonia. “I giovani sono stati veramente eccezionali – ha sottolineato la vicepresidente Anna Casini, assessore all’Agricoltura – Hanno mostrato di aver riscoperto e amato la tradizione agricola marchigiana, hanno compreso che il futuro dell’agricoltura regionale è legato alla qualità e al territorio. Sono giunti a queste conclusioni, dopo studi che hanno valorizzato l’economia circolare mezzadrile, individuando una metodologia applicabile ai vitigni autoctoni sconosciuti o dimenticati, efficace per la loro ricoperta economica. Hanno dimostrato la possibilità di valorizzare l’area terremotata dei Sibillini ripiantando il Pecorino antico. Sono progetti meravigliosi che, come Regione, valuteremo e sosterremo con convinzione”.

Lo studio del tecnico agrario “Celso Ulpiani” di Ascoli Piceno, una delle undici scuole italiane in cui la specializzazione di enotecnico è attiva dal dopoguerra, ha presentato un progetto sulle zone terremotate, in particolare di Arquata del Tronto. “Il concetto sviluppato con i ragazzi – ha detto il docente Roberto D’Angelo – è che la ricostruzione non può prescindere dalla valorizzazione dei territori. Abbiamo puntato sulla coltivazione del vitigno del Pecorino in montagna, dimostrando che le remore sulla sua fattibilità sono superabili, adottando opportune tecniche sviluppate dai nostri studenti. Abbiamo quindi proposto alla Regione di ampliare il disciplinare del Falerio Pecorino con una sottozona denominata Terra di Arquata, esclusiva per le zone terremotate montane. Il suo successo può rappresentare un motivo di rilancio, di investimenti, di vanto per le Marche, oltre a un’opportunità per gli agricoltori di ritornare verso i Sibillini e, per la Regione, lo spunto per avviare l’iter legislativo. Non abbiamo ragionato su una nuova Doc, perché il percorso sarebbe troppo lungo e difficile; proponiamo di iniziare con una sottozona, per poi arrivare, entro dieci anni, a una Doc indipendente”.

RADIO AZZURRA, EDIZIONE 13, LOGOS