Google e Facebook sanno se stai guardando un sito porno, anche se usi la navigazione in incognito

0
129

Facebook, Google e Oracle stanno monitorando il porno che guardi, secondo un nuovo studio che è stato individuato per primo dal New York Times.

I ricercatori di Microsoft, Carnegie Mellon e l’Università della Pennsylvania hanno analizzato 22.484 siti di pornografia utilizzando uno strumento chiamato webXray per identificare gli strumenti di tracciamento che riportano i dati a terzi.

“I nostri risultati indicano che il monitoraggio è endemico su siti web di pornografia: il 93% delle pagine cede dati dell’utente a terzi”, conclude il documento.

Dei siti scansionati nel marzo 2018, lo studio ha rilevato che Google o le sue consociate avevano tracker sul 74% di essi, Oracle sul 24% e Facebook sul 10%. Ciò si traduce in circa 16.638 siti con tracker Google, 5.396 con Oracle e 2.248 per Facebook.

Secondo il documento, anche l’abilitazione della modalità “in incognito” su un browser non è una difesa, poiché anche se le azioni degli utenti non vengono memorizzate nella loro cronologia, i dati vengono comunque trasmessi a queste terze parti.

I ricercatori avvertono che la natura altamente sensibile dei dati che trapelano dall’attività online delle persone è motivo di preoccupazione. “Il fatto che il meccanismo per il tracciamento dei siti per adulti sia così simile, ad esempio, alla vendita online dovrebbe essere un enorme campanello d’allarme“, ha dichiarato al New York Times la ricercatrice Elena Maris. Lo studio ha anche rilevato che solo il 17% dei siti pornografici è stato crittografato, lasciando gli utenti vulnerabili agli hacker.

Pornhub è uno dei siti più visitati negli Usa. Shutterstock
I tracker possono essere posizionati sui siti per vari motivi. Google Analytics, ad esempio, riporta i dati sul traffico ai siti Web in modo che questi possano monitorare il loro traffico. Invece, Facebook offre ai siti la possibilità di incorporare la sua funzione “mi piace”, consentendo la condivisione su Facebook. In cambio, riceve dati sui visitatori dei siti web. Ciò che accade ai dati esattamente, o quali dati vengono raccolti in modo specifico, è difficile da controllare.

Facebook e Google hanno dichiarato di non utilizzare le informazioni raccolte sui visitatori dei siti porno per creare profili di marketing.

Un portavoce di Google ha dichiarato a Business Insider:

“Non autorizziamo pubblicità Google Ads su siti web con contenuti per adulti e proibiamo la pubblicità personalizzata e i profili pubblicitari basati sugli interessi sessuali di un utente o su attività correlate online. Inoltre, i tag per i nostri servizi pubblicitari non sono mai autorizzati a trasmettere informazioni personali a Google. “

Un portavoce di Facebook ha fatto eco a questo in una dichiarazione al Times. Hanno affermato che l’azienda vieta ai siti di sesso di utilizzare gli strumenti di monitoraggio di Facebook per scopi commerciali, come la pubblicità. Oracle non ha risposto alle molteplici richieste di commenti da parte del Times.

Facebook e Oracle non hanno risposto immediatamente alla richiesta di commento di Business Insider.

FONTE: it.businessinsider.com