Fra Capri e Giappone, con un libro in valigia, la vacanza secondo Franca Leosini

0
85

Una vera icona intellettuale amata e seguita da giovani e adulti, sia in tv sia sul web. È Franca Leosini, autrice e conduttrice dello storico programma ‘Storie Maledette’ su Rai 3, che ammalia e rapisce per le sue garbate interviste ‘capolavoro’, a presunti o conclamati autori di crimini efferati, con il suo personalissimo e inimitabile stile linguistico sagace, irriverente e provocatorio. Al Galà del Cinema e della Fiction in Campania, è stata premiata come giornalista dell’anno e proprio quest’anno ha debuttato sul grande schermo nel film “Come un gatto in tangenziale”. A TTG racconta l’importanza del cineturismo, che ama viaggiare, anche se ha poco tempo, preferendo l’Italia all’estero; ma è il Giappone a incuriosirla.

A Castellammare di Stabia ha ritirato un premio che abbraccia giornalismo, cinema, fiction e turismo.
Si, è sempre un piacere e un onore ricevere un premio soprattutto nella mia amata regione. Il Galà del Cinema e della Fiction in Campania, ideato da Valeria Della Rocca, compie 10 anni e ha un valore importante perché punta l’attenzione sul fenomeno del “cineturismo”, grazie anche al grande lavoro della Campania Film Commission, quale prezioso indotto di incremento economico e di visibilità del territorio.

Parlando di turismo e viaggi, dove ha passato l’estate?
Lavorando. Sono stata solo 15 giorni a Capri perché ho casa lì. Il nostro lavoro non ha dei tempi e tante volte l’estate è il periodo in cui si lavora di più perché prepariamo l’inverno.

Il prossimo viaggio?
Purtroppo non è ancora all’orizzonte.

In generale che tipologia di viaggiatrice è?
Sono una viaggiatrice molto curiosa preferisco andare in Paesi che non conosco, mentre per il mare vado a Capri, ovviamente: è il mio mare, e che mare, che ammalia tutto il mondo, quindi non scelgo mete esotiche. C’è ancora tanto da scoprire in Italia. Devo dire che anche in questo il mio lavoro mi ha aiutato tante volte a scoprire dei luoghi, territori, culture, tradizioni, cittadine nostrane in cui non sarei mai andata. Penso a quanto siamo sciocchi noi italiani che con la scusa che abbiamo tutto a portata di mano viaggiamo altrove e non andiamo alla scoperta delle bellezze uniche e vicine di casa nostra: la bella Italia.

C’è una meta che l’attira? Il viaggio dei suoi sogni?
Un posto che non conosco e che mi affascina tanto è il Giappone. È uno dei viaggi che vorrei fare, per scoprire la bellezza della sua diversità sia a livello paesaggistico che culturale.

Cosa non può mai mancare nella sua valigia?
Decisamente un libro.

https://www.ttgitalia.com/stories/vip_lounge/146830_fra_capri_e_giappone_la_vacanza_secondo_franca_leosini/

LEAVE A REPLY