Colosseo, aaa direttore manager cercasi

0
288

Il bando internazionale per la direzione del nuovo Parco Archeologico del Colosseo è online sul sito del Mibact: quattro anni di incarico, per 145 mila euro annui più un’eventuale retribuzione di risultato per un massimo di 35 mila euro. Il concorso è internazionale: gli interessati dovranno inviare la propria candidatura entro le 12 del 14 aprile all’indirizzo www.beniculturali.it/museitaliani.
Il decreto
Il decreto 149 del 27 febbraio 2017 è stato pubblicato a due mesi di distanza dall’approvazione della Legge di Stabilità, che consente la riorganizzazione della Soprintendenza Speciale per il Colosseo, uno degli ultimi punti della Riforma del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo avviata dal ministro Dario Franceschini. Che commenta soddisfatto: «Siamo all’ultimo, più prezioso tassello della riforma del sistema museale nazionale. L’importanza e la fama del Colosseo – assicureranno vasta eco internazionale al bando e la partecipazione al concorso di alte professionalità».
La Commissione e i requisiti
La Commissione, istituita entro il 19 aprile, sarà composta da cinque membri individuati tra «esperti di chiara fama nel settore del patrimonio culturale e particolare attenzione sara’ data, nell’ambito delle valutazioni delle candidature, sia alla specifica esperienza professionale documentata nell’ambito della tutela, della gestione e della valorizzazione del patrimonio culturale sia alla specifica competenza attinente il parco archeologico del Colosseo». Il nome del vincitore dovrebbe essere annunciato entro il 30 giugno, nell’arresa potrebbe essere nominato un direttore ad interim.
Il parco
Il nuovo direttore, chiunque sia, avrà parecchio da fare: anche perchè i 60 milioni di incasso annuo per effetto della riforma sono stati in parte «dirottati» sul ministero, togliendo così di fatto al Colosseo l’autonomia gestionale, fino a poco fa gestita dalle Sopritendenze speciali, come quella dell’Appia antica e di Ostia, ideate oltre 20 anni dall’allora ministro Veltroni proprio per velocizzare gli interventi su aree tanto preziose. Il parco archeologico nato per decreto ministeriale copre 78 ettari, davvero unici al mondo : oltre all’Anfiteatro Flavio comprende anche il Palatino, il Foro e la Domus Aurea.
I compiti e le novità
Tra gli oneri del futuro direttore, il coordinamento e la monitorizzazione di tutte le attività di gestione del sito, comprese mostre ed esposizioni, lo studio e la valorizzazione del patrimonio. Ma anche la cura del progetto del parco, «facendone un luogo vitale, inclusivo, capace di promuovere lo sviluppo della cultura». E poi il bilancio – come avviene in tutti i musei autonomi – e la decisione su orari e il prezzo dei biglietti (purché in linea con le linee generali stabilite dal Mibact). A lui, che come gli altri direttori verrà affiancato da un cda e da un comitato scientifico, la responsabilità di autorizzare i prestiti, disporre l’affidamento delle attività dei servizi pubblici di valorizzazione, promuovere l’attività di ricerca, occuparsi dell’amministrazione e del controllo dei beni nonché anche di una loro eventuale concessione in uso. Accanto al Parco, che gestirà la tutela e la valorizzazione nell’ambito dei suoi confini, rimane una Soprintendenza Speciale, intitolata «Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma», dotata di autonomia contabile e gestionale, che si occuperà di tutto il restante territorio romano, incorporando le competenze finora affidate alla soprintendenza ordinaria, che viene soppressa. Le risorse necessarie a questa super soprintendenza verranno assicurate, secondo quanto spiegato a suo tempo dal ministero, «con un meccanismo automatico» da una percentuale del 30 per cento degli introiti dei biglietti del Colosseo, in pratica circa 11 milioni l’anno. «Fondi certi», ha fatto notare a suo tempo il ministro replicando alle polemiche, ai quali si aggiungono i soldi normalmente assicurati da ministero e donazioni. Un altro 20% dei proventi garantiti dai biglietti del Colosseo andrà invece al Fondo istituito dal Mibact per il sostentamento della rete complessiva dei musei statali.

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/17_febbraio_27/colosseo-cercasi-direttore-manager-bando-internazionale-online-6972f7b8-fcf7-11e6-8717-6cdb036394a5.shtml?cmpid=tbd_70d81ad2AX_twitter

LEAVE A REPLY